STI' FANTI

 

En tà zendeà da festa che se feva a Piteì ,

di zoen der paese quei de Piteì a toa ,

gian pensà che se doveva fae quarcò de mei.

I sen riunì, gian ragionà e questo l'é vegnù foa.
Tornae ai veci tempi quand' a Piteì aen en tanti

revive i ani 50 quand' er paese gea tuto en fermento;

A gente aloa lea divisa ma i se deven da fae tuti quanti.
I man ciamà per cuntaghe a vita de quelo momento

con loè ho ramentà er passà e fra n’arestotoo, na cogia e en racunto...

A me son gasà!! ! è ò tifà di progetti de quei fanti.

Ardua l’impresa de come lea aloa mieva tegnie de cunto
A ne ghe l’ho ito, an giò smontà, ma i mi dubi gen proprio tanti.

SOCIETA’: Confraternita-Pubblica Assistenza- Banda- do Cooperativa-Avis- Pro Pitelli- Enal- do Sportiva
OSTAIA: Magazin Grosso- Pampaloni- Paolotti- Tidò- Mogogno- Baffin- Lauro
BOTEGA:Coop di Nizoi- Bianca-Renata- Merice- Zangati-Tabachin- Brillà- Merice- Rafelo- Ricci- Paolotti
PARTIDI: Pci- Dc- Psi- Pri- - Psdi

Questo gea er paese pien d’entusiasmo e d’attività...

Aoa a società len morta nicò queia che ghé restà

L’ostaia len tutia sarà, ghé doi arci e de botega ne rimasta quatro

de partidi ghè n'è anche doi, chissa come l'agandeà
Ne ghè confronto, impossibile faghela.
Poi a festa le comenzà, a son redeventà fante, tanta gente en ti carobi, en ta strada enco de pù
Omi, dona, zoeneta e fanti vegnù da ogni parte : Nostrali, foresti e stranieri chi nè feniven pù
Er menù indeva daa rapa de granon ai ravioi dal' ortiga de mae ao stoccafisso, da a porchetta
a mesc-iua, da a lasagna ar forno ai frisoi , roba de porco, porpo all’inferno, sgabei, testaoi e polenta.
A banda de Migiaina en pompa magna per strada la soneva ,a gente l'ascorteva

e i veci dao ricordo geen pigià;
En gese , piena come un tempo, a gente en coro l'ascorteva.

 

E me a me son ito:
Piteì date nà mossa, stì fanti ì tan svegià


Chi s'ancotreva i se beava de quelo chi giavea mangià
E i sbotoiva da roba bona che en ta panza ne ghea stà
T'aretrovevi amighi che da ani a pitei i nen tornà
Ti gi mievi, ti già recognoscevi, ti gi abrazevi tuto eferuzenà
A prima sea le sta en trionfo, a segonda
O signoe “contento” i na mandà a benedizion
A gente lé vegnù li stesso en te sta baraonda
Tanti gen arevegnù, autri gen anda dadré aa procesion

 

Cai fanti lasemelo die avè fato nà gran cosa ; Avè svegià pitei da trentani de letargo

 

Con tanta umilta, senza distinzion, senza posa, senza presunzion e senza division a ve se fati largo
a mavé ato torto, avé fugà i mi dubi a mavé dimostrià

che con a bona volontà, a modestia e a capacità
se poi realizae da gran cosa che Ian seen mai sperà

avé creà n' atmosfera che ho respià solo i giorni da libertà.
Se ghé qualchedun che nti zoen i ne gan stima cuntemoghe cos' ingian fato per paese i fanti de piteì
credeme avé dimostrà desse i degni eredi de quei de prima ,a ve lo diò‘ en pitellese

avé i coion pe esse proprio i meì”

 

 

GRAZIE Da parte mia e di tutto il paese

Gianfranco PADULA


p.s. : Cari giovani amici mi vanto di essere un vostro paesano
ma vi raccomando, fate che non sia un fuoco di paglia,
continuate a voler bene al paese, siate orgogliosi di essere di
Pitelli, impegnatevi nel pubblico c’é bisogno di voi a Pitelli e
nella nazione, siate cultori e difensori delle migliori tradizioni
di Pitelli.

 

Pitelli li 20 ottobre 2012

 


Sei il visitatore Nr.

Homepage gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!